Intervista Esclusiva: JOHN KAY LA VOCE DI "NATO PER ESSERE SELVAGGIO" (BORN TO BE WILD)



JOHN KAY LA VOCE DI "NATO PER ESSERE SELVAGGIO"(BORN TO BE WILD)


Il gruppo rock "Steppenwolf" è in circolazione da 53 anni, ovviamente ha subito molti cambiamenti nella line-up, ma questo gruppo canadese fondato a Toronto dal 1967 è ancora adesso in attività.

Nella primavera del 1999 sono stati ospitati nel l'annuale Mestre Biker Fest, che si è tenuto l'08 di Maggio presso il Parco San Giuliano di Mestre, a Venezia. Lla loro canzone di maggior successo è la celeberrima "Born To Be Wild" che li ha resi il gruppo più appropriato per le occasioni motociclistiche amate dai Bikers.

Ho parlato con John Kay, unico artista rimasto della vecchia formazione che ricordiamo, nel 1965 formò il gruppo chiamato "Sparrow”, band canadese che si trasferì a New York, quindi in California, in cerca di fortuna. Dopo poco tempo due musicisti americani si unironi a John e formarono gli "Steppenwolf".
Kay non è solo il leader della band, ma è anche il cantante, il chitarrista, il compositore e l’autore.

Con brani come "The Pusher", "Monster" e "Magic Carpet Ride", il gruppo ha realizzato otto album d'oro durante la loro carriera. Il concerto a Mestre è stato l'unico spettacolo europeo degli Steppenwolf quell'anno, e mi ha dato la possibilità di vedere come la band reggeva il palco dopo tanti anni.


INTERVISTA


Cesare Greselin: Questa è stata la vostra unica data in Europa?

John Kay: Sì, lo è stato e per due motivi. Abbiamo deciso di suonare in Italia perché, nessuno di noi era mai stato qui prima e due, Mestre è così vicino a Venezia. Non abbiamo mai visto nemmeno Venezia, quindi l'abbiamo approvata subito quando ci è stata proposta.


CG: Da dove hai preso il nome Steppenwolf?

JK: All'epoca il nostro produttore aveva appena letto un libro di uno scrittore tedesco di nome Hesse, e il libro si intitolava "Steppenwolf". Pensavamo che non fosse un brutto nome per una band e, infatti è stato un ottimo nome.


CG: Puoi parlarmi del gruppo Sparrow che si è sciolto molto tempo fa?

JK: The Sparrow si sciolse nel 1967. Due membri se ne andarono sbattendo la porta. Jerry Goldy ed io rimanemmo e, dopo circa cinque mesi, formammo gli Steppenwolf.


CG: È stato necessario allontanarsi dal Canada per andare negli Stati Uniti per avere successo?

JK: Essendo una band canadese quando eravamo i The Sparrow, per essere riconosciuti al di fuori del confine era necessario trasferirsi negli Stati Uniti. All'epoca anche persone come Neil Young e Joni Mitchell si trasferirono negli Stati Uniti. Steppenwolf è stato formato con due canadesi, due americani ed io che ho origini tedesche, canadesi e americane. Negli Stati Uniti eravamo considerati la loro band, in Canada eravamo considerati altrettanto.


CG: "Born To Be Wild" è stato scritto da Mars Bendfire. L’hai scelto tu la canzone o ti è stata proposta?

JK: Il fratello del nostro batterista, Jerry, ha portato questa canzone nel mio garage, dove eravamo soliti a provare. Nessuno sapeva davvero che questa canzone sarebbe stata molto speciale. Quando eravamo ancora una baby band che suonavano le nostre canzoni, "Born To Be Wild" non riceveva più ne meno attenzione delle altre nostre canzoni. La casa discografica non voleva che il brano fosse pubblicato come singolo. Abbiamo dovuto insistere e, dopo l'uscita di due singoli, l'hanno messo sul lato “B” e hanno lasciato che le persone della radio decidessero cosa volevano trasmettere.


CG: In quanti film hanno usato la tua musica per il tema?

JK: In molti film, circa quaranta e anche di più in programmi TV, ancora oggi. "Magic Carpet Ride" è stato appena usato nel film "Go", recentemente pubblicato in America.


CG: A cosa stai lavorando personalmente al momento?

JK: Sto finendo di mixare il mio album solista "Heretics and Privates", che ha un sapore molto pesante da quello che ho scritto da un punto di vista forte e personale. Non volevo inclinare la band con la mia umanità, idee e sentimenti, quindi ho fatto l'album da solo.


CG: Si sono verificati problemi quando hai suonato le tue canzoni aggressive negli anni Settanta?

JK: Diciamo solo che ci è stato chiesto di suonare "The Pusher". Sono stato in grado di mettere in imbarazzo le persone che hanno cercato di tirarci indietro dicendo: "Dov'è la libertà di parola"?


CG: Perché Steppenwolf si è sciolto nel 1972?

JK: All'epoca, le case discografiche richiedevano due album l’anno, oltre a un tour per promuovere gli album. Personalmente avevo finito la “benzina”. Non era più divertente eravamo stressati, quindi abbiamo fatto una pausa. Ho sciolto la band e ho continuato a fare il mio progetto solista.


CG: E come hai fatto a ottenere la riunione della band nel 1974 e la registrazione di "Slow Flux"?

JK: Avevo fatto il mio primo album da solista e mi è piaciuto. Ho deciso che era tempo di promuovere l'album. Ho messo insieme la ”John Kay Band" per iniziare il tour, poi mi è stato offerto di fare un tour d'addio di Steppenwolf in Europa. Ho accettato, a condizione che la John Kay Band potesse essere l'atto di apertura per Steppenwolf. Prima salivo sul palco con la mia band e suonavo le mie nuove cose. Poi sarei uscito e più tardi risalivo per fare le cose con gli Steppenwolf. I membri degli Steppenwolf erano stati separati per più di un anno. All'improvviso si riaccese la scintilla. La gente si era rilassata, aveva scritto nuove canzoni ed era tutto di nuovo divertente. Dopo circa quattro concerti abbiamo detto al promotore di dimenticare queste cose su un tour d'addio e di chiamarlo solo un tour degli Steppenwolf. Quando siamo tornati a casa, ho detto "Mettiamoci insieme nel mio studio, tutti portano le loro nuove canzoni e vediamo cosa succede. Ci siamo sentiti bene al riguardo ed è così che è nato il " Slow Flux".


CG: Parlami del Wolf Pack Fest?

JK: Una volta l’anno abbiamo questo Wolf Pack Fest nella nostra base di Nashville, Tennessee. È solo per i fan degli Steppenwolf. Facciamo un concerto privato in cui scattiamo foto con tutti, facciamo autografi e pranziamo insieme. Avevamo gente dall'Olanda, dalla Germania e da tutto il mondo. Abbiamo chiamato Bobby Cochran, il nostro primo chitarrista, con noi sul palco. Siamo una band che apprezza molto la lealtà dei nostri fan, molti dei quali non erano nemmeno nati quando abbiamo iniziato.


CG: Che cosa hai da dire sui combattimenti in Jugoslavia, perché sono coinvolti i militari statunitensi?

JK: È una situazione tragica. Vorrei che tutti i ragazzi e le ragazze delle forze americane e altri uscissero sani e salvi e tornassero dalle loro famiglie. Allo stesso modo, siamo tenuti a essere i pacificatori e forse più tardi i peacekeeper. È una cosa nobile da fare e spero che trovino il coraggio e la pazienza per affrontare la loro situazione. Sono sicuro che si trovano in un posto dove preferirebbero non essere. Tengo le dita incrociate affinché tutte le persone tornino sani e salvi.


CG: Grazie mille per le tue parole e spero di rivederti in Italia.

Il mio personale ringraziamento a Sergio di Blue Sky Promotion per avermi dato l'opportunità di incontrare e intervistare John Kay, la voce degli Steppenwolf.







 Articolo e foto by Cesare Greselin

https://speaktome2050.blogspot.com/

Share this:

 
Copyright © BEST MAGAZINE. Designed by