Facebook

INTERVISTA Esclusiva con i leggendari THE ANIMALS



INTERVISTA Esclusiva con i leggendari THE ANIMALS

E’ una gran fortuna poter intervistare e incontrare tutti i membri di “The Animals And Friends”; ci troviamo nel castello di Soiano sulle rive del lago di Garda il 04-08-2018. Davanti al mio microfono John Steel il batterista originale dei “The Animals”, Mick Gallagher alle tastiere che ha suonato con The Animals per un po’ nel 1965 e negli ultimi 17 anni, poi Danny Handley alla chitarra e voce dal 2008 e Roberto Ruiz al basso negli ultimi 3 anni. Uno speciale “grazie” a Giancarlo Trenti di Slang Music che ha reso possibile tutto questo.

Se qualcuno di voi là fuori non sa chi sono gli Animals, di sicuro avete sentito “The House Of The Rising Sun” e “We Gotta Get Out Of This Place”, solo per citare un paio dei loro successi.


Cesare Greselin: Ciao John Steel come stai?
John Steel: Sto bene, Cesare.

CG: Nei giorni scorsi siete stati in Inghilterra, giusto?
JS: Sì, ieri abbiamo fatto un concerto da qualche parte in Inghilterra... Hahaha.

CG: Come è andato il concerto?
JS: È andato bene, il tempo era così, bello e caldo, è stato fantastico.

CG: Dopo questa data a Soiano, domani suonate a Negrar vicino a Verona, e poi quali altri appuntamenti avete in programma?
JS: Siamo molto occupati ora in Europa, poi andremo in Australia e poi in Giappone, molto impegnati e occupati.

CG: Quale miscela chimica, quale magia usavano gli Animals proponendo canzoni scritte da altri musicisti? In tutto il mondo si ricordano la vostra versione della canzone e non l’originale. Sai dirmi il perché?
JS: Non lo so, è stato grandioso ed è successo così, abbiamo solo suonato le canzoni nel modo in cui le abbiamo sentite e canzoni come “The House Of The Rising Sun” e “We Gotta Get Out Of This Place” sono diventate negli anni le nostre canzoni. Non era pianificato ma è successo in quel modo. Abbiamo provato a suonare le canzoni nel modo in cui le sentiamo e ne esce una versione sincera e naturale.

Mick Gallagher: La maggior parte delle persone lo fanno per sbaglio, succede, non viene programmato, alcuni musicisti cercano di fare una versione migliore di una canzone, ma non succede spesso.

CG: Dove sono The Animals oggi, avete un nuovo CD?

...CONTINUA SUL NOSTRO BLOG
MG; E' stato tutto preparato per le esibizioni dal vivo nel modo più onesto possibile, nel modo in cui li hai ascoltati negli anni '60 abbiamo cercato di mantenere quelle visioni e suonarle in quel modo.
CG; John hai incontrato Eric Burdon alla scuola d'arte nel 1956, poi avete iniziato a suonare insieme, come molti altri musicisti, sembra che tutti i musicisti prima si rechino alla scuola d'arte e poi diventino musicisti e diventino famosi.
JS; Sì hai ragione Hahaha.

CG; Agli inizi avete iniziato a suonare subito con il nome Animals o avete avuto altre denominazioni?
JS; Avevamo altri nomi "The Pagans", "The Kansans City Five", "The Kansans City Seven", poi ci siamo lasciati per un po' di tempo, Alan Price ci ha riconciliati tutti insieme ma dovevamo chiamarci "The Alan Price Rhythm and Blues Combo", era un nome che non mi piaceva. Quando abbiamo visto che le cose cominciavano a muoversi, che stavamo ottenendo attenzione, ci siamo riuniti e abbiamo detto che dobbiamo trovare un nome migliore per fare una rivoluzione così abbiamo scelto quello che ritenevamo più adatto per noi, ci siamo chiamati "The Animals".

CG; Appena dopo un anno dall'uscita del vostro primo album, in America un altro album era già stato pubblicato, registrato live, voi avevate già molto successo in America eravate al numero 1 nelle charts.
JS; Sì, eravamo al numero 1 negli Stati Uniti nel 1964 con il nostro primo album "The Animals", quando siamo andati nei Stats abbiamo scoperto che avevamo un altro album chiamato "On Tour" ma non sapevamo nulla, tutto pianificato dalla casa discografica.

CG; Stai scrivendo nuove canzoni con Mick e Danny?
JS; No, perché quando suoniamo una nuova canzone il pubblico chiede dove sono le canzoni degli Animals. Quindi viene fuori che non abbiamo bisogno di scrivere nuove canzoni.

CG; Beh, un nuovo album in studio sarebbe straordinario per i fan.
JS; Danny ha scritto alcune canzoni ma deve ancora mandarmele ... Hahaha. Siamo stati così impegnati on the road che non riusciamo a trovare il tempo per le nuove canzoni.

CG; Mick Gallagher ha sostituito Alan Price per un periodo nei primi tempi?
MG; Sì, l'ho fatto nel 1965 per un po' di tempo solo negli spettacoli dal vivo senza registrazioni in studio.
JS; Siamo tutti di Newcastle e il miglior club era "The Club A Go Go" dove effettivamente abbiamo iniziato con i The Animals. Mick ha salvato la serata, quella volta, perché Alan Price aveva lasciato la band senza dirlo a nessuno e avevamo in programma un tour in Scandinavia così quando Micky è intervenuto ha salvato la band.


CG; Mick, hai suonato molto con "Peter Frampton" e anche con "The Clash", scrivendo canzoni per loro.
MG; Sì, sono stato un co-arrangiatore in "Do you feel like we?" Di Peter Frampton (... ho inventato il riff di piano / chitarra!) Ho anche scritto "All night Long" su Frampton's Camel Album (1972). Ho suonato le tastiere sull'album "London Calling" di The Clash e anche sul singolo "Bank Robber". Sono andato a New York con il collega Blockhead Norman Watt-Roy (basso) per aiutare i Clash con la registrazione dell'album "Sandinista" presso gli Electric Lady Studios e sono stato coinvolto negli arrangiamenti e nell'esecuzione di "The Magnificent Seven", "Lightning Strikes", " The Sound of Sinners "," Charlie Do not Surf "," Midnight Log "... e mia figlia, che all'epoca aveva solo 4 anni ha cantato " The Guns of Brixton " pure mio figlio ha cantato " Career Opportunities".

CG; John, tu hai fatto parte dei "The Blockheads" per un po’ '?
JS; Sì, è successo che il trio americano è venuto a registrare in UK e un amico che stava gestendo la registrazione mi avvisò che il loro batterista non aveva il groove giusto perché serviva un stile swing. Così mi invitarono in studio registrando questa traccia con loro sono finito nella band. Hahaha.

CG; Mick, quanto tempo è che suoni con John Steel?
MG; Bene, ho iniziato con Steel nel 2003, quindi sono 17 anni che siamo insieme.

CG; Andiamo da Danny Handley, da quanto tempo sei con The Animals And Friends?
Danny Handley; Beh, sono con loro da oltre 10 anni.

CG; Hai anche fatto una registrazione con la band dei Natural Born Swinger di Ric Lee "Put A Record On" nel 2012, il batterista dei Ten Years After e hai scritto alcune delle canzoni?
DH; Sì, l'ho fatto ma devo ancora ricevere i soldi, Hahaha. Continuo a chiamarlo ma ancora lui non mi ha dato i soldi.

CG; Hai scritto anche alcune canzoni con Bobby Reggie?
DH; Non ho mai incontrato Bobby Reggie, abbiamo usato uno dei suoi brani blues ma ho cambiato tutto, ci ho messo il dito dentro, ho fatto in modo di mettere il mio dito grosso nella maggior parte di esso.

CG; Hai registrato qualcuno dei tuoi brani.
DH; Sì, in realtà ho una mia piccola band e abbiamo suonato solo un paio di settimane fa in Svizzera, facciamo metà delle mie canzoni e l'altra metà è blues, soul. Ho pubblicato una registrazione intitolata "Blues Project" dove interpreta anche Mick Gallagher.

MG; Danny Ha tutte le copie ancora nella sua soffitta, Hahaha.
DH; La gamba della sedia del mio bambino ri è rotta, quindi tutti i cd sono puntati per tenere la sedia al suo posto, Hahaha. Mi tengo occupato, da dove vengo, la città di Burginham, puoi suonare due, tre sere alla settimana se vuoi in posti diversi, non prendi molto denaro ma mi tiene occupato. Roberto Ruiz ed io facciamo molto insieme, solo basso e chitarra. Con i The Animals, siamo sempre in tour in tutto il mondo.




CG; Vediamo se riusciamo a farti tornare a Brudstock il prossimo anno, così Roberto può apprezzare l'ospitalità di Brudstock. (The Animals And Friends sono stati a Brudstock nel 2015 ma con un altro bassista Scott Whitley).

DH; Sì, l'ospitalità di Brudstock è leggendaria!




CG, Caro Roberto Ruiz, raccontaci di più su di te.

Roberto Ruiz; Vengo da New York e ho iniziato a suonare Jazz con un contrabbasso, ma il basso elettrico ha dominato la mia vita perché ho un sacco di lavoro e ho girato l'Inghilterra dove ho incontrato mia moglie, quindi mi sono trasferito lì. Uno dei primi musicisti che ho incontrato è stato Danny, abbiamo fatto alcuni concerti insieme e ci conosciamo da 10 anni, poi Danny mi chiama e mi chiede se voglio unirmi agli Animals e ho accettato sicuro. Lo sto facendo ormai da 3 anni, è bello, ed è molto divertente un sacco di concerti. Ho sempre desiderato suonare stili diversi ed essere in una band che conta davvero, non c'è niente come fare parte di una band e quando sei sul palco siamo tutti sullo stesso piano musicale, siamo come una squadra sportiva , c'è molto cameratismo, è davvero bello.




CG; Roberto ti troviamo al basso sull'ultimo album "Live" di prossima uscita degli Animals And Friends?

RR; Sì, sono sul cd live.




CG; Come vorreste terminare questa intervista?

JS; Bene, grazie per essere venuto a trovarci di nuovo e spero di vederti a Brudstock 2019.

CG; Vi ringrazio tutti per la bella chiacchierata, per me è sempre un piacere incontrarvi

ciao.






By Cesare Greselin


Share this:

Posta un commento

 
Copyright © BEST MAGAZINE. Designed by